La serie Ribelli della montagna è composta da ritratti di partigiani della Resistenza italiana, con un omaggio a quella savonese. Le opere sono eseguite distribuendo il colore con una lametta da barba su carta trattata a cera.

L’improvviso tormento della nostalgia è come imbattersi in un vaso in frantumi. Si raccolgono i cocci, si cerca come rimetterli insieme poi li si incolla uno per uno. Alla fine il vaso è ricomposto, ma non è più lo stesso di prima. È incrinato ma allo stesso tempo ancora più prezioso. Qualcosa di simile accade all’immagine di una persona cara o di un luogo amato di cui conserviamo il ricordo dopo la separazione.” (J. Berger)

Facebook Pinterest Blog LinkedIn share